fbpx

Di cosa vivrai in pensione?

Anni fa, il reddito da pensione veniva spesso rappresentato come uno sgabello a tre gambe. Una gamba riguardava le prestazioni della previdenza sociale (INPS), un’altra era la liquidazione, erogata al licenziamento dal datore di lavoro (TFR) e la terza era il risparmio personale privato.

Molte cose sono cambiate da quei giorni.

Le pensioni della previdenza sociale si sono notevolmente ridotte a causa, tra le altre cose, della riduzione delle nascite e della conseguente riduzione della forza lavoro che versa i contributi (ne ho parlato in maniera approfondita nell’articolo del blog “Perché lo stato italiano non ti pagherà la pensione!”), lasciandoci con uno sgabello traballante. Inoltre, a causa della crescente aspettativa di vita di oggi, questo sgabello traballante potrebbe doverci sostenere per un periodo di tempo molto più lungo, tre decenni o più in molti casi.
Ma veniamo al dunque: quanti soldi serviranno affinché tu possa mantenere il tuo tenore di vita quando non lavorerai più?
A questa domanda non possiamo dare una risposta unica. Dipende da molti fattori, in particolare dalle spese di pensionamento future, nella misura in cui è possibile prevederle.

 

Calcola qual’è il tuo tenore di vita.

Esistono una varietà di formule per la stima delle spese di pensionamento, tutte ipotesi estremamente approssimative. Una regola ben nota è che avrai bisogno di circa l’80% dell’importo che spendi poco prima del pensionamento. Tale percentuale si basa sul fatto che alcune spese importanti termineranno (ad esempio i costi per andare al lavoro o i contributi per il tuo piano pensionistico). Certo, altri possono aggiungersi (viaggi di vacanza, ad esempio, e, inevitabilmente, le spese per l’assistenza sanitaria).
Ciò che i pensionati riferiscono spesso, tuttavia, è che le loro spese nei primi anni non solo non sono uguali, ma a volte aumentano, in parte perché hanno semplicemente più tempo per uscire e spendere.
Da notare che le spese nell’intero arco del periodo pensionistico attraversano tre fasi distinte:
  • spesa più elevata all’inizio,
  • spesa più modesta per un lungo periodo successivo,
  • spesa più elevata verso la fine della vita, a causa delle spese mediche o per le case di cura.
Gran parte di questo è imprevedibile, ovviamente.
Ma più ti avvicini alla pensione, più precisa sarà l’idea che avrai di quanti soldi saranno necessari per sostenere il tuo standard di vita.
Usalo come base, cercando di prevedere tutte quelle voci che andranno ad aumentare ma anche a ridurre le spese in pensione (viaggi, acquisto di una cucina nuova di zecca, trasferimento in una casa meno costosa, ecc.).

Quantifica il tuo reddito

Ora che hai un’idea delle tue spese in vecchiaia, il prossimo passo è capire se il tuo reddito sarà adeguato a coprirle.
Tornando a quello sgabello a tre gambe, somma la quantità di entrate che ti aspetti di ricevere dalla previdenza sociale e da tutti i piani pensionistici che hai in essere.
La previdenza sociale
Se stai lavorando e paghi i contributi previdenziali INPS o di un equivalente istituto previdenziale da un periodo congruo (almeno 10 anni), puoi ottenere una proiezione della tua pensione sociale utilizzando lo strumento di proiezione previdenziale presente nel sito dell’INPS. Naturalmente si tratta di una stima che sarà aggiornata anche in base alle riforme che via via verranno applicate ma più ti avvicini alla pensione, più è probabile che la stima sia accurata.
Risparmio previdenziale
Su quali entrate puoi contare dai tuoi piani pensionistici?
Molti consulenti finanziari riducono la risposta a un numero, almeno come punto di partenza: il tasso di prelievo sostenibile del 4% .
In sostanza, questa è la quantità di denaro che puoi teoricamente prelevare ogni anno da quella parte del tuo patrimonio destinato alla previdenza, considerando gli alti e bassi del mercato e aspettarti che il tuo patrimonio duri almeno 30 anni, se non addirittura più a lungo.
Oggi non tutti gli esperti concordano sul fatto che un tasso di prelievo del 4% sia ottimale, ma molti sostengono che probabilmente non dovrebbe superarlo.
Supponiamo di riuscire a risparmiare 1 milione di euro prima di iniziare a pensare seriamente alla pensione. Secondo la regola del 4%, potresti prelevare 40.000 euro all’anno dal tuo patrimonio, con un piccolo aggiustamento ogni anno per l’inflazione. Se avessi risparmiato 2 milioni di euro, l’importo sarebbe di 80.000 euro all’anno; se tu avessi invece 500.000 euro, sarebbero 20.000.
Quindi, dopo aver considerato tutto il tuo patrimonio da destinare alla tua previdenza personale, se il reddito totale per la pensione supera le spese previste, probabilmente hai “abbastanza” denaro per la tua pensione. Non sarebbe male averne di più, ovviamente.
SCRIVIMI !

Posso aiutarti ad analizzare in modo serio e costruttivo la tua situazione previdenziale con un metodo coerente con la tua tolleranza al rischio e finalizzato al raggiungimento dei tuoi obiettivi di vita.

SCRIVIMI !

E’ il modo più intelligente per pianificare il tuo futuro sereno. Decideremo insieme come e quando lasciare il tuo lavoro, mantenendo il tuo tenore di vita attuale, in modo che tu possa dedicarti a tutte quelle attività per cui oggi non hai tempo a disposizione.

 

Reddito e spese

Ma se ti rendessi conto che non hai abbastanza reddito per mantenere il tuo tenore di vita, dovrai apportare alcune modifiche e trovare dei modi per aumentare le tue entrate, ridurre le tue spese o entrambi. Ciò potrebbe significare lavorare per qualche anno in più, se possibile, aumentare la parte della retribuzione che stai risparmiando per la pensione o adottare una strategia di investimento più aggressiva.
A questo proposito è importante considerare un fattore estremamente importante che riguarda l’essere “risparmiatori” piuttosto che “investitori”, un atteggiamento che può comportare rendimenti e saldi pensionistici inferiori rispetto alle potenzialità che il mercato offre. Ti ho parlato di questo nell’articolo del blog “Come ti senti: risparmiatore o investitore?”  a cui puoi accedere e trarne interessanti spunti di riflessione.

 

Il tuo tenore di vita.

Prima quantifichi di quanto avrai bisogno per vivere senza lavorare e maggiore sarà il tempo a tua disposizione per incrementare il tuo patrimonio.

“Posso vivere in pensione con solo 1 milione di euro?”

Mi stai chiedendo se puoi andare in pensione con 1 milione di euro? Certo che puoi!
A dire il vero, potresti andare in pensione con molto meno e allo stesso modo potresti non essere in grado di andare in pensione con 1 milione o 2 milioni o forse anche con 10 milioni.
Tutto dipende dalla tua situazione personale e, in particolare, dalle tue spese.
Per tale motivo, i Consulenti Finanziari hanno spesso consigli molto diversi per i clienti che stanno cercando di decidere se saranno in grado di andare in pensione:
  • “Certo che puoi andarci! Fallo e divertiti!” Se hai almeno 70 anni con spese ragionevoli, ci sono buone probabilità che tu e il tuo milione di euro rientriate in questa categoria.
  • “Le probabilità di pensionamento sembrano buone. Basta non impazzire e comprare una Porsche.” Se hai almeno 62 anni e hai sempre vissuto in modo frugale, allora tu e il tuo milione di euro probabilmente rientrerete in questa categoria.
  • “Ridefiniamo la pensione per te.” Questo riguarda quasi tutti gli altri, compresi i pensionati in anticipo con 1 milione che vivono frugalmente e i 70enni con 1 milione che spendono generosamente.
€ 40.000 è l’importo annuo (in euro di oggi) che un 65enne può aspettarsi nei prossimi 30 anni da risparmi di 1 milione di euro investiti in un portafoglio adeguatamente diversificato.
Ora, se prendere € 40.000 all’anno dai tuoi investimenti non ti è sufficiente per mantenere lo stile di vita che desideri, sei arrivato alla tua sfortunata risposta piuttosto rapidamente: No, non puoi andare in pensione con € 1 milione! Idem se hai € 2 milioni risparmiati e hai bisogno di più di € 80.000 ogni anno, o se hai € 500.000 e speri di prelevare più di € 20.000.
“Aspetta un momento: che mi dici del mio coniuge, che ha anch’egli la pensione sociale? E se avessi 75 anni, non 65? E se volessi morire al verde? Cosa succede se ricevo una pensione e prestazioni statali? E se avessi intenzione di ritirarmi in Costa Rica?”
Ci sono molti “what ifs”, ma la matematica è ancora la matematica: se hai intenzione di spendere molto più di € 40.000 all’anno dal tuo patrimonio, allora la probabilità di mantenere il tuo tenore di vita in pensione con € 1 milione non è buona.
Se hai risparmiato solo € 1 milione e stai ritirando il 4% o più in pensione, è molto probabile che tu sia tentato di esporre i tuoi conti a più rischi per compensare la mancanza di risparmi. Con una maggiore esposizione a un mercato volatile, c’è una maggiore possibilità che i tuoi conti pensionistici subiscano perdite sostanziali durante le correzioni del mercato.
E il pensionamento anticipato, ovvero prima dell’inizio della previdenza sociale, è più rischioso perché i tuoi investimenti in pensione dovranno sostenerti per ancora più anni.
Le persone non pianificano adeguatamente per quando andranno in pensione perché non pensano davvero alla loro sicurezza sociale.
I desideri della vita diventano rapidamente bisogni. Invece di disperare poi, perché hai necessità di spendere più di quanto previsto, ti suggerisco di risparmiare di più prima, per avere a disposizione una riserva per le spese impreviste.

 

Facciamo alcuni esempi numerici.

Tassi di risparmio: quanto dovresti accumulare?
Diamo ora un’occhiata al problema dei soldi per la pensione da un’altra prospettiva. Non in termini di quanto dovresti avere, ma di quanto dovresti risparmiare ogni anno.
Il 10% è il tasso di risparmio storico raccomandato. Se inizi all’età di 20 anni, puoi ritirarti dal lavoro comodamente con un tasso di risparmio annuo che va dal 10% al 15%.
Diamo un’occhiata a come questi assunti potrebbero realizzarsi per un futuro pensionato.
Tasso di risparmio previdenziale del 5%
Iniziamo considerando un risparmio del 5% dei tuoi guadagni durante la tua vita lavorativa.
Supponiamo che Elisa, 30 anni, guadagni € 40.000 all’anno e si aspetti un aumento del 3,8% fino al pensionamento all’età di 67 anni. Inoltre, con un portafoglio diversificato di fondi comuni azionari e obbligazionari, Elisa si aspetta un rendimento del 6% annuo dai suoi contributi pensionistici.
Con un tasso di risparmio del 5% per tutta la sua vita lavorativa, Elisa avrà risparmiato circa € 423.754 all’età di 67 anni. Se Elisa avesse bisogno dell’85% delle sue entrate prima della pensione per vivere e ricevesse anche la pensione sociale, allora il suo 5% di risparmio per la pensione sono significativamente inferiori al minimo necessario per vivere.
Per arrivare all’85% delle sue entrate prima della pensione, Elisa avrebbe bisogno di € 1,3 milioni all’età di 67 anni. Un tasso di risparmio del 5% non colloca nemmeno i suoi risparmi al 50% dei fondi di cui avrà bisogno.
Chiaramente, un tasso di risparmio previdenziale del 5% non è sufficiente.
Tassi di risparmio del 10% e del 15%
Mantenendo le ipotesi di cui sopra sul suo stipendio e aspettative, un tasso di risparmio del 10% garantirà ad Elisa € 847.528 all’età di 67 anni. I suoi bisogni previsti rimangono gli stessi a € 1,3 milioni. Quindi, anche con un tasso di risparmio del 10%, Elisa non riuscirà a mantenere il suo tenore di vita.
Se Elisa aumentasse il suo tasso di risparmio al 15%, raggiungerebbe l’importo di € 1,3 milioni. Aggiungendo la pensione sociale, il suo tenore di vita sarà mantenuto.
Questo significa che, in media, le persone che non risparmiano almeno il 15% del loro reddito saranno condannate a una pensione scadente? Non necessariamente.
Ipotesi conservative
Come in ogni futuro scenario di proiezione, possiamo formulare anche alcune ipotesi prudenti:
  • i rendimenti degli investimenti potrebbero essere superiori al 6% annuo.
  • Elisa potrebbe vivere in una città con un basso costo della vita, dove abitazioni, tasse e spese di soggiorno sono inferiori alla media.
  • Potrebbe aver bisogno di meno dell’85% delle sue entrate prima della pensione
  • potrebbe scegliere di lavorare fino all’età di 70 anni.
  • In un caso fortunato, lo stipendio di Elisa potrebbe crescere più velocemente del 3,8% ogni anno.
Tutte queste possibilità ottimistiche porterebbero a un fondo pensione più elevato e ridurrebbero il tenore di vita di Elisa durante la pensione. Di conseguenza, nel migliore dei casi, Elisa potrebbe risparmiare meno del 15% e avere un gruzzolo sufficiente per godersi la pensione.
E se le ipotesi iniziali fossero troppo ottimistiche? Uno scenario più pessimistico include la possibilità che la pensione sociale possa essere inferiore a quella attuale. Oppure Elisa non continuerebbe sulla stessa traiettoria finanziaria positiva e avendo bisogno di denaro potrebbe prelevarne parte dal suo accantonamento pensionistico. In alternativa, Elisa potrebbe vivere a Milano, Roma, Bologna o in un’altra regione ad alto costo della vita dove le spese sono molto più elevate rispetto al resto del paese. Con queste ipotesi più cupe, anche il tasso di risparmio del 15% potrebbe essere insufficiente per una pensione confortevole.
Misurare le tue esigenze
Se hai raggiunto la metà della tua carriera lavorativa senza risparmiare quanto questi numeri dicono che avresti dovuto mettere da parte, è importante pianificare da ora in poi ulteriori risparmi o flussi di reddito per compensare il deficit. In alternativa, potresti pianificare di andare in pensione in un luogo con un costo della vita inferiore in modo da avere bisogno di meno denaro. Puoi anche pianificare di lavorare più a lungo, il che aumenterà la tua pensione sociale, così come i tuoi guadagni, ovviamente.
SCRIVIMI !

Posso aiutarti ad analizzare in modo serio e costruttivo la tua situazione attuale con un metodo coerente con la tua tolleranza al rischio e finalizzato alla realizzazione di una pensione serena in cui potrai dedicarti a tutte quelle attività per cui oggi non hai tempo a disposizione.

SCRIVIMI !

E’ il modo più intelligente per iniziare ad ottenere più benefici dal tuo denaro attraverso una guida professionale che ti aiuti a muovere i primi passi verso una pianificazione degli investimenti più consapevole dei tuoi obiettivi di vita da realizzare.

Se stai cercando un singolo numero come obiettivo per garantirti il tuo pensionamento, ci sono linee guida per aiutarti a impostarne uno. Alcuni Consulenti Finanziari raccomandano di risparmiare 12 volte lo stipendio annuale. Secondo questa regola, se l’ultimo reddito di una persona che va in pensione corrisponde a € 100.000 a 66 anni avrebbe bisogno di € 1,2 milioni al momento del pensionamento. Ma, come suggeriscono gli esempi precedenti, e dato che il futuro è imprevedibile, non esiste una percentuale di risparmio pensionistico o un numero obiettivo perfetti.

 

La necessità di pianificare

Invece di pensare in termini di quantità specifiche o tassi di risparmio, il tuo primo passo nella pianificazione è determinare quanto ti servirà.
Un obiettivo di risparmio ragionevole è quello che ti fornirà un reddito annuo simile al reddito che hai ora. Quindi è necessario considerare un tasso di prelievo “sicuro”. Questa è la percentuale che ritirerai ogni anno dal tuo patrimonio durante la pensione. Come notato sopra, il 4% è la cifra di riferimento tradizionale, ma dal 5% al 6% potrebbe essere più realistico. Ciò fornisce una formula rapida e veloce per determinare l’importo totale che è necessario risparmiare per la pensione: dividere il reddito annuo desiderato per il tasso di prelievo.
Nel calcolare il patrimonio finale e quanto dovresti risparmiare ogni mese per raggiungere quell’obiettivo, ci sono molti fattori che entrano in gioco:
  • La tua età attuale
  • Età pensionabile prevista
  • Aspettativa di vita
  • Guadagni correnti
  • Fonti di reddito durante la pensione
  • Importo dell’attuale risparmio previdenziale
  • Contributi di risparmio previsti
  • Tenore di vita durante la pensione
  • Rischio / rendimento del portafoglio
  • Inflazione
Di tutti questi, forse il terzultimo è il più importante, o almeno il più controllabile. “Avere una solida conoscenza del tuo tenore di vita” è fondamentale per il successo della pensione. È molto meglio capire la tua situazione quando puoi essere proattivo e fare aggiustamenti, piuttosto che aspettare che scoppi una crisi ed essere costretto ad agire.
Una volta che hai una chiara idea di come determinare quanto ti serve, è il momento di iniziare a utilizzare gli strumenti a tua disposizione. Oggi, i piani previdenziali difficilmente sono in grado, da soli, di riuscire a mantenere il tenore di vita “nel dopo carriera”.
È interessante notare inoltre che troppe persone adottano una strategia di “impostalo e dimenticalo” con i loro piani previdenziali. Mediamente una volta impostato un versamento in un piano previdenziale, si dà per risolto il problema senza rivedere periodicamente la valenza di quanto si versa per il proprio obiettivo pensionistico e, peggio ancora, all’inizio non viene fatta una analisi approfondita considerando i parametri di cui ti ho parlato fino ad ora.
Nessuno conosce il futuro o quale tasso di risparmio sia sufficiente. Né sappiamo i nostri eventuali rendimenti da investimento. Ma i risparmiatori possono controllare quanto risparmiano e capire come i rendimenti sono composti . In effetti, la maggior parte delle persone desidera un aiuto per stabilire gli obiettivi di pensionamento e la maggior parte dei partecipanti che hanno utilizzato un metodo scientifico come quello che ti suggerisco in questo articolo ha intrapreso azioni positive di conseguenza.
Grazie alla magia dell’interesse che genera interesse, prima inizi, meno dovrai risparmiare su base mensile.
Riassumendo…
Chiaramente, pianificare la pensione non è qualcosa che puoi fare poco prima di smettere di lavorare ma un processo permanente. Nel corso degli anni lavorativi, la pianificazione subirà una serie di fasi in cui dovrai valutare i progressi e gli obiettivi e prendere decisioni per assicurarti di raggiungerli.
Una pensione di successo dipende non solo dalla tua capacità di risparmiare e investire saggiamente, ma anche dalla tua capacità di pianificare. Le cose accadono nella vita.
Vuoi davvero iniziare questa avventura di oltre 30 anni con il minimo indispensabile? Solo cavandosela non è un buon modo per iniziare decenni di “disoccupazione”.
Se succede qualcosa di inaspettato, quali sono le tue opzioni? Rientrare al lavoro, cambiare il tuo stile di vita o diventare più aggressivo con i tuoi investimenti?
La pensione dovrebbe essere un cambio di occupazione, un’opportunità per dedicarti a ciò che ti piace fare. Di quante entrate avrai bisogno in pensione è difficile da sapere e difficile da pianificare. Ma una cosa è certa: è molto meglio essere troppo preparati piuttosto che farci cogliere impreparati.
A presto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *