fbpx

Il calo del mercato fa parte degli investimenti.

Non saremmo umani se non temessimo la perdita.
Lo psicologo vincitore del premio Nobel Daniel Kahneman lo ha dimostrato con la sua teoria dell’avversione alla perdita, dimostrando che le persone sentono il dolore di perdere denaro più di quanto godano di uguali guadagni.
Te ne parlo in questo articolo: La felicità è una questione di scelta.
L’istinto naturale degli investitori è quello di fuggire dal mercato quando inizia a precipitare, proprio come l’avidità spinge le persone a tornare indietro quando le azioni sono alle stelle. Entrambe questi comportamenti possono avere impatti molto negativi.
Acquistare alto e vendere basso non è mai la formula per il successo.
Ne ho riprova ogni qualvolta si verifica uno dei due momenti cruciali nei mercati. Quando i mercati stanno andando bene, difficilmente i clienti chiamano. Ma non appena si verifica qualche mese difficile i clienti iniziano a porre domande su come viene posizionato il loro portafoglio, cosa prevediamo e se dovrebbero essere preoccupati.
Quest’anno sono 24 anni che opero nel settore ed ho appreso che il Prof. Kahneman aveva ragione: i clienti sono molto più preoccupati ad evitare le perdite che ad ottenere il massimo dai loro investimenti. 
I 7 principi fondamentali.
Ecco a te i sette principi fondamentali che possono aiutarti a combattere l’impulso di prendere decisioni emotive in tempi di turbolenze del mercato:
1. Comprendere che le flessioni del mercato fanno parte degli investimenti. 
Le azioni sono aumentate costantemente per un decennio, ma la storia ci dice che il calo dei mercati azionari è una parte inevitabile degli investimenti. La buona notizia è che le correzioni (definite come un ribasso del 10% o più), i mercati orso (un calo esteso del 20% o più) e altri ribassi anche più marcati non sono durati per sempre. L’indice S&P 500 è sceso di almeno il 10% una volta all’anno in media e il 20% o più una volta ogni sette anni in media, secondo i dati dal 1949 al 2018. Mentre i risultati passati non sono predittivi di risultati futuri, ad ogni recessione è sempre seguita una ripresa e un nuovo massimo del mercato.
2. Il tempo sul mercato è importante, non i tempi di mercato (c.d. market timing). 
Nessuno può prevedere con precisione i movimenti del mercato a breve termine e gli investitori che rimangono ad aspettare alla finestra rischiano di perdere periodi di significativo apprezzamento dei prezzi che seguono i ribassi. Anche perdere alcuni giorni di mercato può costarti caro. Un ipotetico investimento di $ 1,000 nell’ S&P 500 realizzato nel 2009 sarebbe cresciuto fino ad arrivare a più di $ 2.700 entro la fine del 2018. Ma se un investitore avesse perso solo i 10 migliori giorni di negoziazione durante quel periodo, sarebbe finito con il 38% Di meno.
3. Gli investimenti emotivi possono essere pericolosi. 
Kahneman ha vinto il suo premio Nobel nel 2002 per il suo lavoro in economia comportamentale, un campo che indaga su come gli individui prendono decisioni finanziarie. Una scoperta chiave degli economisti comportamentali è che le persone spesso agiscono in modo irrazionale quando fanno tali scelte. Le reazioni emotive agli eventi del mercato sono perfettamente normali. Gli investitori dovrebbero aspettarsi di sentirsi nervosi quando i mercati scendono. Ma sono le azioni intraprese durante tali periodi che possono fare una grande differenza tra successo degli investimenti ed il tracollo.
Il grafico sopra mostra che gli investitori che gestiscono il proprio denaro, sperimentano forti tentazioni di fare la cosa sbagliata al momento sbagliato. Gli studi hanno dimostrato che gli investitori inseguono spesso i rendimenti in ritardo nella parte superiore della curva e vendono troppo presto nella parte inferiore riducendo i guadagni o addirittura incrementando le perdite.
4. Elabora un piano e attieniti ad esso. 
La creazione e l’adesione a un piano di investimenti ponderato è un altro modo per evitare di prendere decisioni di investimento miopi, in particolare quando i mercati si abbassano. Il piano dovrebbe tenere conto di una serie di fattori, tra cui la tolleranza al rischio e gli obiettivi a breve, medio e lungo termine. Un modo per evitare inutili tentativi di prevedere il mercato è con l’investimento rispettando la teoria del costo medio, in cui un importo fisso di denaro viene investito a intervalli regolari, indipendentemente dagli alti e bassi del mercato. Questo approccio utilizza un concetto fondamentale negli investimenti: la diversificazione. Ma, piuttosto che diversificare tra diversi investimenti, la media dei costi cerca di diversificare il tuo investimento attraverso periodi di tempo. Il risultato di questa strategia è meno rischi di investire tutti i tuoi soldi a un livello alto di mercato. Investimenti regolari non garantiscono profitti o proteggono dalle perdite. Gli investitori dovrebbero considerare la loro disponibilità a continuare a investire (soprattutto) quando i corsi azionari sono in calo.
I piani di pensionamento, a cui gli investitori apportano contributi automatici ad ogni busta paga, sono un ottimo esempio di come sia possibile mediare l’investimento nel tempo.
5. La diversificazione è importante.
Un portafoglio diversificato non garantisce profitti o assicura che gli investimenti non diminuiranno di valore, ma riduce i rischi. Distribuendo gli investimenti in una varietà di classi di attività, gli investitori possono attenuare gli effetti della volatilità sui loro portafogli. I rendimenti complessivi non raggiungeranno i massimi di ogni singolo investimento, ma non raggiungeranno nemmeno i minimi assoluti. Per gli investitori che vogliono evitare parte dello stress delle flessioni, la diversificazione può aiutare a ridurre la volatilità.
6. Il reddito fisso può aiutare a bilanciare.
Le azioni sono elementi costitutivi importanti di un portafoglio diversificato, ma le obbligazioni possono fornire un contrappeso essenziale. Questo perché le obbligazioni in genere hanno una bassa correlazione con il mercato azionario, il che significa che sono state un elemento dissociante rispetto all’andamento del mercato azionario fornendo stabilità al portafoglio globale di investimento.
Sebbene le obbligazioni potrebbero non essere in grado di eguagliare il potenziale di crescita delle azioni, hanno spesso mostrato resilienza nei cali azionari. Ad esempio, le obbligazioni core statunitensi erano piatte o positive in cinque delle ultime sei correzioni.
7. Il mercato tende a premiare gli investitori a lungo termine.
È ragionevole aspettarsi rendimenti del 30% ogni anno? Ovviamente no. Se le azioni sono scese nelle ultime settimane, non dovresti aspettarti che questo sia anche l’inizio di una tendenza a lungo termine. La finanza comportamentale ci dice che eventi recenti hanno un’influenza fuori misura sulle nostre percezioni e decisioni. È sempre importante mantenere una prospettiva di lungo termine soprattutto quando i mercati sono in calo. Sebbene le azioni aumentino e diminuiscano nel breve termine, tendono a premiare gli investitori per periodi di tempo più lunghi. Anche includendo le flessioni, il rendimento medio annuo dell’S&P 500 in tutti i periodi di 10 anni dal 1937 al 2018 è stato del 10,43%.

È naturale farsi prendere la mano dalle emozioni durante i periodi di volatilità. Ecco perché gli investitori intelligenti, come i miei clienti, scelgono di lavorare con un professionista che ha vissuto tutti gli alti e bassi di una varietà di mercati finanziari negli ultimi decenni. Un professionista con questa esperienza adotta un approccio più disciplinato, non emotivo e misurato alla gestione del tuo portafoglio.

CLICCA QUI ! per una prima CONSULENZA GRATUITA di 30 minuti!

Il mio principale impegno è quello di educare i miei clienti nel tentativo di eliminare il timore di cali del mercato. Negli ultimi 18 mesi abbiamo visto esplodere sia i mercati rialzisti sia vendite spaventose sul mercato. Tuttavia, è importante rimanere concentrati su questi sette principi fondamentali e capire che è possibile che gli investimenti abbiano buone prestazioni, anche attraverso i disordini.

CLICCA QUI ! per una prima CONSULENZA GRATUITA di 30 minuti!

Essere un investitore di successo non si misura in settimane o mesi ma in anni e decenni.

A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *