fbpx

“The Fredo effect”. Mitigare gli effetti tossici in un’azienda familiare.

Nel film Il Padrino, Michael Corleone, il più giovane di tre figli, viene scelto come successore del trono della famiglia mafiosa di New York, dopo che il fratello maggiore viene ucciso e al posto del fratello maggiore Fredo. Mentre la tradizione generalmente designa il figlio maggiore come successore nella maggior parte delle imprese familiari, Fredo Corleone, meno intelligente e di carattere più debole del fratello minore Michael, viene sostituito da Michael.

Le dinamiche familiari che ne derivano, scatenate dalla rabbia e dal risentimento di Fredo nei confronti della propria famiglia, si concludono con il tradimento e la tragica fine dello stesso Fredo.
Nelle imprese familiari nella vita reale, possono sorgere dinamiche simili (anche se in genere non così gravi) in cui i figli possono essere trascurati per posizioni dirigenziali o ruoli di successione a causa della loro mancanza di
esperienza o abilità.
Eppure, i genitori imprenditori spesso si sentono obbligati a “prendersi cura dei propri figli” e talvolta finiscono per assegnare loro ruoli insignificanti nell’attività perché vogliono che siano almeno coinvolti (nonostante a volte può anche includere un livello spiccatamente alto di compensazione perché vogliono fornire ciò che possono per il loro figlio).
In alternativa, ai figli in altre occasioni possono essere assegnati ruoli che gli stessi sono completamente mal equipaggiati per gestire (cioè il nepotismo), il che può comportare decisioni sbagliate che portano seri danni all’azienda stessa.
Pertanto, mentre questi genitori proprietari di attività possono avere solo le migliori intenzioni per i propri figli, i comportamenti e le dinamiche familiari che ne risultano possono essere controproducenti, arrivando a circostanze che alla fine possono danneggiare l’azienda di famiglia.
Questa situazione si chiama “Fredo Effect” e si riferisce al danno che risulta dalle interazioni disfunzionali tra genitori e figli nel contesto di un’azienda familiare.
La causa principale dell’effetto Fredo si riduce spesso all’ambiguità del ruolo, in cui i genitori hanno difficoltà a separare il loro ruolo di imprenditore da quello di genitore. Anche il figlio può trovarsi ad affrontare ambiguità di ruolo, poiché spesso hanno una guida poco chiara sul loro ruolo nel business, complicato da una sovra-compensazione (spesso ingiusta) che potrebbero ricevere e possono quindi incontrare difficoltà per capire cosa ci si aspetta specificamente da loro.
Ma la cosa più grave in questo contesto è che non sono solo i genitori e i loro figli ad essere colpiti dall’effetto Fredo, ma anche gli altri dipendenti e i familiari coinvolti nel business ne possono risentire. Vedere un lavoratore subordinato ottenere un compenso e venire ricompensato per un lavoro non ben fatto può essere demoralizzante per i lavoratori diligenti e dediti al proprio lavoro ma che non ottengono alcun riconoscimento o beneficio che invece viene ottenuto dal “Fredo” della situazione. Con il passare del tempo e senza porvi rimedio, la situazione può portare a una grave erosione del morale e delle condizioni di lavoro dei dipendenti.
Il modo più efficace per mitigare (e potenzialmente prevenire del tutto) l’effetto Fredo è quello di garantire che siano chiari i ruoli e la descrizione dei lavori con funzioni ben scritte, che definiscano chiaramente gli standard e le aspettative per ciascun ruolo nell’azienda.
La creazione di un “consiglio di famiglia” può anche fornire un forum per facilitare una comunicazione aperta tra i membri della famiglia, che può aiutarli a superare le sfide legate all’ambiguità del ruolo identificando (e delineando) le preoccupazioni personali e commerciali creando un clima comunicativo tra i familiari.
I consulenti finanziari possono aiutare i loro clienti offrendo servizi per assisterli nell’implementazione di queste soluzioni.
Ad esempio, un consulente può assistere i clienti proprietari di imprese familiari nella revisione delle descrizioni dei lavori per garantire che definiscano chiaramente:
  • il ruolo, i requisiti e le aspettative per ciascun lavoro;
  • che esista una struttura di segnalazione ragionevole;
  • che esistano opportunità di crescita e sviluppo per tutti gli attuali dipendenti.
I consulenti possono anche partecipare come esperti obiettivi alle riunioni del consiglio di famiglia (e anche facilitare la partecipazione di altri esperti in materia, se necessario). Infine, i consulenti possono aiutare i clienti dei proprietari di aziende familiari a stabilire il proprio sistema di supporto reciproco, coordinando le presentazioni e
ospitando eventi didattici su questioni relative all’effetto Fredo.
In definitiva, il punto chiave è che molti proprietari di imprese familiari hanno problemi di ambiguità nei ruoli quando si tratta dei loro figli. Anche i figli devono affrontare sfide legate all’ambiguità dei ruoli che possono portare a
comportamenti disfunzionali e che possono essere potenzialmente dannosi per l’azienda stessa.
I consulenti finanziari con i clienti dei proprietari di imprese familiari sono in una posizione unica per servire come esperti oggettivi di terze parti per aiutare la famiglia a mitigare gli effetti di Fredo e idealmente risolvere il problema sul nascere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *