fbpx

Insegna ai tuoi figli l’uso del denaro.

Meno della metà dei genitori lascia che i propri figli prendano reali decisioni finanziarie, e questo è un grosso problema. Parlare di soldi ai bambini è difficile. Lasciarli fallire è ancora più difficile. Ma se vuoi che i tuoi figli sviluppino buone abitudini finanziarie, dovrai fare entrambe le cose.

Per più di un decennio, T. Rowe Price ha condotto un sondaggio annuale su genitori, figli e denaro. In questo sondaggio, chiedono a genitori e figli di rispondere a una serie di domande su responsabilità finanziarie, comunicazione e comportamento. I dettagli cambiano di anno in anno, ma i seguenti tre risultati sono abbastanza coerenti e possiamo imparare molto da loro su come preparare la prossima generazione al successo.
Parlare di soldi è difficile, ma i bambini hanno bisogno di parlarne e vogliono essere coinvolti in questi argomenti.
Anno dopo anno, il sondaggio mostra che i genitori sono riluttanti a discutere di argomenti finanziari con i loro figli e che quando lo fanno emergere lo trovano molto scomodo. Nel 2019, ad esempio, è emerso che parlare con i propri figli di argomenti finanziari risulta più scomodo rispetto a parlare di politica, cambiamenti climatici e morte. Allo
stesso tempo, più della metà dei loro figli ha dichiarato di desiderare che i genitori parlassero con loro di più sul denaro. I genitori devono superare la riluttanza a trattare l’argomento. Forse hanno paura di non saperne abbastanza per essere da esempio ma si scopre che non possono permettersi il lusso di usarlo come una scusa. Perché? Per via del secondo dei tre risultati:
I comportamenti finanziari dei bambini sono fortemente influenzati dall’esempio dei loro genitori.
I bambini del sondaggio che avevano buone abitudini finanziarie (risparmio, ecc.), sono stati fortemente influenzati dall’esempio dei loro genitori. Questo può preoccupare i genitori che hanno commesso molti errori, ma si scopre che i bambini possono usare quegli errori come racconti cautelativi.
Ad esempio, nel 2017 i bambini che erano a conoscenza del fatto che i loro genitori avevano presentato istanza di fallimento avevano il doppio delle probabilità di dichiarare di essere “molto” o “estremamente” intelligenti nei confronti dei soldi stessi, rispetto ai bambini che non erano a conoscenza del fatto che i loro genitori avevano
presentato domanda di fallimento.
Tutti i genitori vogliono dare il buon esempio, ma a volte far conoscere ai nostri figli i nostri fallimenti può aiutarli a fare scelte migliori di noi. Ci vuole coraggio ma mi viene in mente la storia del vecchio saggio sulla montagna che, quando gli fu chiesto come facesse a prendere delle buone decisioni, rispose: “È facile! Ho preso tante decisioni sbagliate.”
Parlando apertamente dei soldi con i bambini, affrontando tutti gli argomenti: quelli buoni, quelli cattivi ma anche quelli imbarazzanti, diamo loro l’opportunità di evitare di imparare le stesse lezioni nel modo più duro. Questo ci porta al risultato numero tre:
I bambini che gestiscono i loro soldi hanno abitudini finanziarie molto migliori.
Nel 2017, i ricercatori hanno confrontato il gruppo di bambini a cui è stato permesso di fare le proprie spese e di risparmiare con i bambini cui era negato. Quelli a cui è stata data più libertà avevano meno probabilità di spendere soldi non appena li ricevevano (40% contro 53%), meno probabilità di aver mentito ai genitori su come spendevano i loro soldi (29% contro 49%) ed è meno probabile che si aspettino che i loro genitori comprino loro ciò che vogliono (52% contro 65%).
In particolare, solo una piccola minoranza di bambini coinvolti in alcuni sondaggi ha avuto la possibilità di investire (il 10% nel 2019 aveva un conto di investimento) e presumo che solo alcuni di questi bambini abbiano la libertà di decidere come investire i loro soldi. Questo rappresenta un’enorme opportunità per soddisfare le esigenze dei clienti e dei loro figli aiutandoli a imparare le basi degli investimenti in giovane età e lasciandoglielo fare con soldi veri.
Quando guardiamo a queste tre conclusioni, è abbastanza chiaro che, nel bene o nel male, i bambini fanno affidamento sui loro genitori sia come educatori finanziari che come modelli di ruolo. Ma i genitori sono ancora riluttanti a trattare l’argomento, quindi diventa fondamentale avvalersi di consulenti che li aiutino in questo importante compito.
Il settore della consulenza potrebbe aiutare maggiormente i clienti in quest’area se abbracciasse l’idea che i bambini possano e debbano gestire i propri soldi fin da piccoli , dando loro la possibilità di imparare, crescere, correre rischi, fallire e recuperare, mentre hanno ancora le reti di salvataggio e la supervisione dei genitori.
PRENOTA UN APPUNTAMENTO !
Un bambino potrebbe costruire un portafoglio con soli 500 euro, se ad esempio venissero fornite alcune semplici istruzioni su come selezionare e acquistare un fondo di investimento. Perché non è una pratica normale avere un conto di investimento per la formazione sugli investimenti per i bambini. Quale meravigliosa opportunità sarebbe, insegnare i fondamenti dell’investimento a lungo termine al proprio figlio?
Aiutare un cliente a gestire bene i propri soldi è prezioso ma aiutarlo a guidare l’educazione finanziaria dei propri figli non ha prezzo. È difficile parlare di denaro ai bambini, e più difficile lasciare che commettano errori, ma se i genitori riescono a superare le proprie esitazioni e imbarazzo, possono mettere i bambini su una strada migliore e dare loro la possibilità di fallire ora in modo che possano avere successo in seguito, nella loro vita.
A presto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *