fbpx

La domanda sbagliata

Sperare di indovinare il timing, vale a dire entrare o uscire dal mercato per cercare di anticiparne i movimenti, ha fatto molti più danni precludendo il raggiungimento degli obiettivi di vita dei clienti rispetto alla scelta di uno o dell’altro prodotto di investimento.

CLICCA per ascoltare il file audio.

Iscriviti al mio canale TELEGRAM

Il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo sulle minori prestazioni associate ai fondi comuni di investimento gestiti rispetto a quelli indicizzati anche detti ETF.
Il Wall Street Journal dice: – Fate attenzione alla differenza dei rendimenti tra i fondi attivi e fondi passivi focalizzati sulle azioni statunitensi a grande capitalizzazione. Negli ultimi 10 anni fino al terzo trimestre del 2018 i fondi a gestione attiva hanno prodotto un rendimento medio annuo del 10,61% pagate le spese, mentre quelli a gestione passiva hanno registrato una media del 12,26%, una differenza di 1,65% e un vantaggio sostanziale per quelli indicizzati.
Non voglio, in questa sede, difendere l’uno a discapito dell’altro, voglio soltanto dire che un rendimento annuo del 10,6% per 10 anni è dannatamente accettabile!
Ma veniamo al punto e soprattutto alla cosa molto più importante. Il motivo per cui gli investitori non riescono a raggiungere i loro obiettivi finanziari non è di essere in un fondo a gestione attiva o a gestione passiva, in un fondo che ha un costo più o meno alto ma di cercare il timing sul mercato.
Escono quando i mercati sono sprofondati e rientrano quando i mercati sono alti.
Sappiamo che questo è esattamente il contrario di quello che bisognerebbe fare. Il rischio è più presente quando non lo senti. I fondi a gestione attiva potrebbero non battere il loro benchmark, ma se riesci a mantenerli starai meglio della maggior parte degli investitori che entrano ed escono in base a come le azioni hanno fatto il mese precedente.
Sperare di indovinare il timing, che vuol dire entrare e uscire dal mercato per sperare di anticiparne i movimenti, ha fatto molti più danni precludendo il raggiungimento degli obiettivi di vita dei clienti rispetto alla scelta di uno o dell’altro prodotto di investimento.
Quindi, per concludere, meglio dibattere sulla Consulenza e sul fatto che il cliente rimanga investito nel mercato piuttosto che sulla differenza di un punto percentuale di rendimento.


Ascolta il post direttamente da Telegram ed iscriviti al mio canale cliccando qui     

Iscriviti al mio canale TELEGRAM  

Potrai ricevere ogni giorno: 

– 1 approfondimento sul mondo della finanza;

– 1 nota vocale con il commento di Andrea Rosettani.


Clicca sul pulsante qui sotto per lasciare la tua mail e ricevere aggiornamenti del blog:

Iscriviti alla Newsletter


A presto.
Andrea.
(Fonte: https://theirrelevantinvestor.com/2019/01/06/these-are-the-goods-95/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *