fbpx

Il fondo per le emergenze: il primo passo per una corretta pianificazione finanziaria.

Creare un fondo per le emergenze è fondamentale nella gestione del denaro. Questo è il passo più importante nella pianificazione finanziaria e anche il più ignorato.
I redditi sono spesso troppo risicati per risparmiare: tanti obiettivi da realizzare, tanti debiti da saldare, ed uno scarso controllo sulle tue spese o sul tuo stile di vita, spesso porta ad ignorare questo aspetto.
Quando la nostra vita va avanti liscia, regolare, smettiamo di aspettarci l’inaspettato. Ma non appena ti renderai conto di essere nel mondo reale, magari a causa di un evento inaspettato, capirai quanto sia importante avere un fondo per le emergenze.

Ma cos’è un fondo per le emergenze?

Si tratta di una quantità di denaro facilmente accessibile che userai solo in caso di emergenza. Ora il termine “emergenza” non richiede troppi approfondimenti…
Non dovrebbe essere qualcosa del tipo:
  • acquistare a tuo figlio una Playstation;
  • un vestito costoso a tua moglie per il suo compleanno;
  • la settimana bianca.
 

Perché dovrei lasciare dei soldi, magari infruttiferi, per creare un fondo per le emergenze?

Ti faccio un esempio pratico per aiutarti a capire meglio:
Una bella serata, mentre stavi tornando a casa, hai avuto un incidente e ti hanno portato all’ospedale. Per fortuna nulla di grave ma una settimana di ricovero e due mesi di convalescenza ti tengono lontano dal tuo studio compromettendo le entrate dei mesi successivi senza considerare che c’è l’auto da riparare se non addirittura da cambiare…
Poiché hai già speso così tanto per le tue cure mediche e la riparazione della tua auto, come gestirai la retta scolastica di tuo figlio, che sta per scadere la settimana prossima?
Uno dei motivi più importanti per cui devi avere un fondo per le emergenze è far fronte ad una improvvisa perdita del tuo reddito che possa mettere in discussione le spese non rimandabili della tua famiglia.
Possiamo essere di fronte a qualsiasi grado di emergenza. Ma se riuscirai ad affrontare questa difficile situazione grazie ad un fondo per le emergenze adeguato, sarai in una posizione di vantaggio che ti permetterà di affrontare più serenamente questo complicato periodo della tua vita.

Importanza di mantenere il fondo per le emergenze.

Il fondo per le emergenze non solo è importante ma è fondamentale per il tuo benessere finanziario.
Vediamo perché:
  1. Per i tuoi investimenti: in caso di emergenza, la prima cosa che dovrai fare, in mancanza di un fondo per le emergenze, è liquidare alcuni dei tuoi investimenti che hai accantonato per alcuni dei tuoi obiettivi importanti. Ma, nel caso tu sia stato previdente ed abbia destinato una riserva di danaro immediatamente disponibile nel fondo per le emergenze, potrai gestire la situazione molto più facilmente.
  2. Per i tuoi debiti: questo ti aiuterà a evitare debiti inutili. Per gestire quell’emergenza, in mancanza di denaro disponibile, potresti essere costretto a strisciare la tua carta di credito o cercare dei prestiti ad un tasso di interesse elevato. Nel nostro caso, un fondo per le emergenze ti aiuterà anche a gestire il pagamento del mutuo.
  3. Per le tue spese: mi riferisco alle spese non discrezionali, quelle non evitabili (la rata del mutuo, le utenze, il cibo, ecc.). Un fondo per le emergenze ti permetterà di mantenere inalterato il tuo budget di spesa senza dover comprimere nessuna delle voci in esso contenute.
 

Quale cifra destinare al fondo per le emergenze?

Non esiste una risposta giusta, generale e definitiva a questo quesito. Dipenda da caso a caso. Dovrebbe essere quella cifra che ti fa sentire tranquillo. Fai ciò che ritieni sia meglio per te. L’anno scorso ho consigliato ad alcuni professionisti di mantenere almeno 1 anno di spese mensili per il fondo per le emergenze.
Nel 2008 ho mantenuto io stesso 8-10 mesi di spese come fondo di emergenza.
Quindi non c’è una regola valida per tutti. Tutto dipende dal tuo stile di vita, dalle tue entrate e spese. Come regola generale, dovrebbe essere pari ad almeno 3-6 mesi delle spese mensili.
CLICCA QUI ! per una prima CONSULENZA GRATUITA di 30 minuti!

Ti aiuterò a realizzare la tua pianificazione finanziaria partendo proprio da una corretta quantificazione del fondo per le emergenze per poi strutturare una strategia di investimento calibrata con le tue esigenze personali, familiari e lavorative.

CLICCA QUI ! per una prima CONSULENZA GRATUITA di 30 minuti!

E’ la cosa migliore che puoi fare per tutelare le spese familiari incomprimibili della tua famiglia e la pianificazione finanziaria per il raggiungimento dei tuoi obiettivi di vita.

Come iniziare a risparmiare per un fondo di emergenza?

Se ne hai capito l’importanza, potrebbe non essere molto difficile per te iniziare a risparmiare. Come ho detto, questo è il primo passo di qualsiasi piano finanziario, quindi puoi posticipare i tuoi investimenti ancora per qualche mese, ma dovresti iniziare immediatamente a lavorare per costruire un fondo per le emergenze.

Dove mantenere il fondo per le emergenze?

Il posto migliore per mantenere il tuo fondo per le emergenze è in un conto di risparmio o qualcosa di simile come un fondo monetario in modo da renderlo il più accessibile possibile in caso, appunto dovessi avere delle emergenze di spesa.
Dovrai essere abbastanza disciplinato da non usare questo fondo per nessun altro scopo ma solo per un’emergenza. È inoltre possibile selezionare diversi fondi liquidi o fondi di investimento a breve termine a questo scopo.
La ragione per cui la maggior parte delle persone che vivono di stipendio non ha denaro di riserva in banca è che hanno ogni mese un evento che configurano come emergenza mentre gli uomini d’affari o gli imprenditori con un reddito importante non ci pensano perché hanno degli alti flussi di reddito in entrata.
Ma diventa di fondamentale importanza capire che una vera emergenza è qualcosa che minaccia la tua sopravvivenza e non il tuo desiderio di avere un tenore di vita più alto.
A presto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *